Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pinza di zia Lucia

Questa ricetta non ha un immagine

Se hai preparato questa ricetta e vuoi pubblicare qui la tua foto premi il bottone invia fotografia.
Dopo averla visionata la pubblicheremo in questa ricetta inserendo il tuo nome come fotografo (se ce lo consenti).






La ricetta in breve

Difficoltà: Media

Cottura: 45 min

Preparazione: 50 min

Dosi per: 8 persone


Ricetta vista: 12.155 volte

Ingredienti

  • 1 chilo di farina
  • 150 gr di burro + 1 cucchiaio di olio di oliva
  • 300 gr di zucchero
  • 5 tuorli + 3 uova intere
  • 100 gr di lievito di birra euivalenti a 4 cubetti di lievito fresco
  • scorza grattugiata di un limone e di un'arancia
  • 1 cucchiaino di rhum
  • 2-3 stecche di vaniglia (o 2 fialette)
  • a piacere 1 cucchiaio di maraschino + 1 cucchiaio di san marzano

Preparazione

Questa ricetta è stata scritta sul forum da paolapaola il 04/12/2007
Questo è un dolce tipico del periodo pasquale ma ho scelto la ricetta di zia Lucia perchè secondo me la fa più morbida.
Preparazione:dunque in un bicchierino mettiamo tutto il lievito ed un po' di latte a temperatura morta (come è sta temperatura morta..nè caldo, nè freddo) e lo facciamo cogliere con 2 cucchiai di zucchero + 100 gr. di farina.
Deve risultare una pastella molto morbida.La copriamo con della pellicola e la lasciamo là  (in un angolo) che raddoppi il suo volume.
Nel frattempo sbatteremo tutte le uova con lo zucchero e con le scorze grattuggiate, fino a farle diventare a neve...zia lucia consiglia di farlo con uno sbattitore elettrico.
Intanto sciogliamo il burro con la vaniglia e con tutti i liquori anche nel micronde quando il burro alcoolico si è un minimo raffreddato lo aggiungiamo alle uova.
Dopodichè iniziamo a mettere la farina finchè ci riusciamo ad amalgamarla con lo sbattitore, e poi continueremo con le mani.
Alla fine aggiungeremo anche il lievito, l'impasto più risulta morbido meglio è.
Zia lucia consiglia di tenere da parte 100 gr. di farina per vedere come si comporta il composto...meglio aggiungerne dice, visto che una volta messa tutta non si può più togliere.
Mettere tutto questo impasto in una bella pirofila precedentemente passata nella farina , coprire sempre con la pellicola e lasciar lievitare per un'ora e mezza , anche due...il tutto deve raddoppiare di volume.
Prendere il composto , rimetterlo sul tavolo e lavorarlo ancora una volta , rimetterlo nuovamente a lievitare per lo stesso tempo di prima, alla fine della seconda lievitazione, dividere l'impasto in 3/4 pagnotelle e lasciarle lievitare ancora sempre per lo stesso tempo (un'ora e mezza - due),dopodichè inciderle a croce, pennellarle con un uovo intero diluito con un goccio di latte. Infornare nel forno statico caldissimo, quando andrà  ad introdurre le mie pinze abbasserà  il forno a 150 gradi e le farà  cuocere per un'ora.
Zia Lucia consiglia dopo 3/4 d'ora di andare con uno stuzzicadenti al centro di ogni pinza e di vedere a che punto è la cottura.
Un altro consiglio di zia Lucia è quello di non fare un chilo di farina come prima volta ma di dimezzare la dose di tutto il segreto della pinza è la lievitazione ecco, spero di essere stata abbastanza chiara.
Al tempo di preparazione va aggiunto quello per la lievitazione.




Lascia un commento



Invia

Cerca una ricetta...

Cerca per ingrediente...







Commenti su questa ricetta

paolapaola il 01/04/2008 alle 10:57
le ho fatte prima di pasqua...quattro belle pinzette, morbide e profumate...una meraviglia....il segreto devo proprio confermarlo sta tutto nella lievitazione....tre lievitazioni sono l'ideale

paola il 21/03/2008 alle 12:50
oggi ci provo..vediamo che ne esce!!!

Commenta la ricetta...