Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Cointreau - liquore francese all'arancia

Questa ricetta non ha un immagine

Se hai preparato questa ricetta e vuoi pubblicare qui la tua foto premi il bottone invia fotografia.
Dopo averla visionata la pubblicheremo in questa ricetta inserendo il tuo nome come fotografo (se ce lo consenti).






La ricetta in breve

Difficoltà: Facile

Cottura: 0 min

Preparazione: 0 min

Dosi per: 0 persone


Ricetta vista: 50.240 volte

Ingredienti

  • 2 arance non trattate
  • 1 l alcool
  • 1 l acqua
  • 400g zucchero

Preparazione

Ho avuto, ma sarebbe meglio dire barattato, questa ricetta da una lontana cugina che vive oltr'Alpe.
Mi è costata la ricetta del Bicerin, il liquore al cioccolato torinese, ma ne è valsa la pena...

Il cointreau si prepara mettendo in un vaso ermetico l'alcool e sistemando in sospensione (cioè appesa) con l'aiuto di una garza (tenuta ferma dal tappo) un'arancia intera non sbucciata, facendo attenzione che non tocchi l'alcool, sennò lo colorerebbe, per 4 giorni.
Dopodichè sostituite l'arancia appesa con un'altra arancia (sempre appesa) ma stavolta la lasciate per una settimana.
Trascorso questo tempo bollite 1 l d'acqua con 400g di zucchero, fate raffreddare, unite all'alcool, filtrate e imbottigliate.
Si può servire subito, ma io preferisco farlo riposare per 15 gg.

P.S. io ho usato la retina delle arance... per amacare l'agrume!!!!!!

Aggiungo il suggerimento di Pippo, per un miglior gusto di questa già buona ricetta:

02 febbraio alle 15:36
Ciao la mia è una ricetta diversa.
L'arancia viene infilzata da 12 chiodi di garofano, si adagia in un bicchiere alto per non far toccare l'arancia con l'alcool e chiudere ermeticamente il barattolo.
Il resto tutto uguale....."PROVARE PER CREDERE"




Lascia un commento



Invia

Cerca una ricetta...

Cerca per ingrediente...







Commenti su questa ricetta

Elizabeth il 09/08/2014 alle 14:31
Ciao Vanni, penso che in Francia, come anche in Italia, ogni famiglia o regione abbia la propria versione. L'importante è trovare quella che più ci piace.

vanni il 06/08/2014 alle 15:06
Ciao Elisabeth, la ricetta l'ho avuta da un mio amico francese - Ingredienti: 1 L. di alcool 90°, 2 arance non trattate (possibilmente Navel o Washington), 1 L. di acqua naturale, Gr. 800 di zucchero - preparazione: smezzare l'alcool in 2 vasi dal collare grande, a chiusura ermetica, lavare ed asciugare, con un po' dello stesso alcool, le arance, poi legare a mò di salame, in quattro parti con dello spago le stesse tenendo i lembi abb.za lunghi onde permettere alle arance di essere immesse nei vasi sfiorando l'alcool per 1 cm; una volta fissati i lembi dello spago al vaso esterno con dello scotch, chiudere i medesimi e mantenere il tutto per 15 giorni; trascorso tale periodo buttare le arance ed unire i due contenuti, poi far bollire il L. di acqua con gli 800Gr. di zucchero, la melassa così ottenuta, dopo averla lasciata raffreddare, va unita al contenuto dei vasi, et voilà il COINTREAU; il colore paglierino varia secondo l'arancio usato; ho provato diverse soluzione nel variare la quantità dello zucchero, ma il sapore che si avvicina di più all'originale è quello ottenuto con gli 800 Gr. PROSIT

Greta il 02/07/2014 alle 14:41
Il procedimento e le dosi sono le stesse, solamente che l'arancia viene infilzata da parte a parte con uno spago da cucina e tenuta in sospensione in un barattolo a chiusura ermetica con bocca larga per 15 giorni senza che tocchi l'alcool. Se l'arancia è amara meglio mettere 500g di zucchero. Vecchia ricetta della Romagna avuta da un cugino.

grazia il 11/04/2013 alle 14:27
Bella idea!
Io preparo un liquore all'arancia con arance dolci e amare. Per ogni 2 arance dolci uso un' arancia amara. Ho utilizzato una rivcetta che prevedeva arance e limoni ed ho sostituito limoni con arance amare, ispirandomi agli ingredienti sull'etichetta del cointreau. Per gusto somiglia molto, anche se il colore è di un bell'arancio brillante. Proverò a seguire la ricetta con il frutto sospeso. Grazie..ciao

Lo staff Rosanna il 03/02/2013 alle 09:56
Grazie per la tua versione per questa già buona ricetta. Aggiungerò il tuo suggerimento alla ricetta così da poter provare anche la tua versione che sarà certamente un gusto in più.

pippo il 02/02/2013 alle 15:36
Ciao la mia è una ricetta diversa.
L'arancia viene infilzata da 12 chiodi di garofano, si adagia in un bicchiere alto per non far toccare l'arancia con l'alcool e chiudere ermeticamente il barattolo.
Il resto tutto uguale....."PROVARE PER CREDERE"

CIAO!!!!!!!!!!


Elizabeth il 30/11/2010 alle 08:30
Bellissima idea, quella del gambaletto.
Te la rubo subito, sarà sicuramente più pratico della reticella delle arance, che ogni tanto si sposta a tradimento.

rosa anna il 29/11/2010 alle 00:00
Non inorridire, io dopo vari tentativi con reticelle e spaghi, ho trovato una soluzione fuori dell'ordinario. Uso un gambaletto (naturalmente nuovo) lasciato a bagno per fargli perdere eventuali sostanze estranee e poi asciugato. Lo metto - o devo dire lo calzo? - alla bocca del barattolo e lo tiro giù fino in fondo. Il peso dell'arancia fa il resto, io mi limito a regolare il gambaletto in modo che non sia troppo vicino o troppo distante dall'alcool. Uso molto più zucchero ma a me piace così. Ciao

Risposta dallo staff
Ciao Rosa Anna,
non è sbagliata nemmeno la tua idea...tutt'altro, se il gambaletto è di cotone bianco andrebbe benissimo e la prossima volta adotterò il tuo sistema...grazie.
Lo staff rosanna

Commenta la ricetta...