La selvaggina nel Medioevo e Rinascimento


Nel Medioevo la caccia è uno sport riservato a regnanti e nobili.
Si caccia con la balestra, con il falcone, con le reti e più tardi con l'archibugio
In Francia appositi editti vietano la vendita pubblica al mercato di cervi, daini, caprioli, cinghiali, galli cedroni, fagiani, pavoni. Tutti animali di un certo prestigio.
Per il popolo era possibile nutrirsi solo con lepri, conigli, polli e animali da terra.
Nel Rinascimento si apprezzava sempre più la delicatezza dei volatili.
In Francia, sorge lentamente e si consolida la tradizione gastronomica che porterà a fare della cucina francese la più diffusa nel mondo. Nascono così le prime manipolazioni con salse e aromi particolari che faranno nascere quei famosi "paté" ancor oggi molto rinomati.

Cerca una ricetta...

Cerca per ingrediente...