Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

La seppia

La seppia

La seppia è un mollusco e il suo corpo allungato è circondato da una pinna per muoversi e nuotare e da numerose ventose per difendersi e riprodursi. Il suo colore è variabile e può mimetizzarsi col fondale marino in breve tempo.


La seppia può raggiungere nel periodo estivo i 100 grammi mentre nei mesi invernali si possono trovare più frequentemente anche quelle di 300grammi. Il suo corpo è sostenuto da un osso che le permette di galleggiare. L’inizio della primavera e fino a maggio è il miglior periodo per la pesca che avviene attraverso ceste o reti da posta mentre d'inverno avviene a strascico.


Quando si acquista bisogna prestare attenzione agli occhi che devono essere di un nero lucente e il corpo non deve avere macchie. Se l’inchiostro è rappreso, significa che è stata congelata. La seppia è preferibile consumarla fresca perché anche se si conserva bene surgelata, perde un po' di sapore pur risultando più tenera di quella fresca.


La seppia in cucina è utilizzata particolarmente nelle fritture ed è adatta per essere ripiena o per essere arrostita o anche preparata in umido o al forno.


La seppia è ricchissima di vitamine A, B1, D, fosforo, potassio, calcio e proteine. E' facilmente digeribile e ha un apporto calorico basso, quindi, indicata nelle diete ipocaloriche.

Cerca una ricetta...

Cerca per ingrediente...