Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Il pesce persico

Il pesce persico

Il pesce persico è un pesce d'acqua dolce, noto anche come persico reale; la sua caratteristica consiste in un corpo tozza, ovalizzato e dal dorso arcuato. Delle sue due pinne dorsali, la prima dotata di spine e, dopo la testa, il corpo si ingobbisce, dando l'apparenza di uno scalino.


Il dorso del pesce persico ha un colore verdastro, spezzato da fasce verticali di colore scuro, che spesso assumono la forma di una Y; le pinne pettorali sono giallastre, mentre le altre sono rosso arancio. Il dorso, infine, è bianco. La taglia media di questo pesce è di circa 20 cm di lunghezza, anche se alcuni esemplari raggiungo i 60 cm.


Il persico vive negli habitat lacustri (preferisce correnti più deboli rispetto a quelle dei fiumi) dell'Europa, dell'Asia, del Sudafrica e dell'Australia. É possibile trovarlo anche nel Mar Baltico, a causa della bassa salinità delle sue acque. La pesce del pesce persico, in Italia, è comune nei grandi laghi del nord, come Garda, Como, Iseo e Maggiore e in quelli laziali di Bracciano, Bolsena e Vico; le sue carni sono molte pregiate e in cucina la sua diffusione è prevalente, appunto, in Lombardia e nel Lazio.


Il pesce persico viene di solito gustato alla griglia o fritto, ma sono molto popolari anche le ricette per prepararlo al forno, impanato, o guarnito con capperi e olive. Molto buoni anche il risotto con filetti di pesce persico e le polpette.

Cerca una ricetta...

Cerca per ingrediente...